La vera storia di Watamu “moderna”

2193
L'oceano trasparente di Watamu

L’attuale moderna Watamu

ha una giovane storia che può essere fatta partire dal 1937 quando una famiglia irlandese, i Flynns, naufragarono intorno Watamu e furono trascinati a riva sull’attuale spiaggia di Turtle Bay e dove vissero in una barca rovesciata.

Allora Watamu era solo una foresta senza popolazione, tranne per i pescatori occasionali provenienti da Malindi e Lamu (Bagiuni-Bajuni in Swahili, discendenti da matrimoni misti tra Giriama e commercianti arabi) che di tanto in tanto nuotavano verso la riva quando il mare era agitato rifugiandosi in baracche dal tetto di paglia, a nord della spiaggia anzidetta, vicino all’odierna posizione del villaggio di Watamu. Lo sviluppo attuale ebbe inizio intorno 1950-1960, quando il governo coloniale inglese tracciò 50 piazzole sulla spiaggia iniziando a lottizzarle per la maggior parte dei coloni bianchi del Kenya e di tutti gli ospiti internazionali interessati. Questo ha dato a Watamu il suo fascino come destinazione di vacanza. I lotti si allineano da dove si trova ora Blue bay fino alla foce del Mida Creek.

Gli indigeni del Kenya sono stati inclusi anche quando l’allora governo sviluppò il sistema di insediamento a Gede che copre le aree di Gede, Jimba, Dabaso e ha permesso ai Mijikenda di comprare il terreno e di stabilirsi.

Anche le famiglie dei pescatori Bajuni iniziarono a stabilirsi nel villaggio di Watamu quando il governo britannico fece saltare una piccola parte della scogliera per fornire il gateway (Mlango in Swahili) alle imbarcazioni che potevano così attraccare più vicino alla riva, mentre il villaggio era rimasto protetto dalle scogliere durante o prima della seconda guerra mondiale. Ciò permise a Watamu di avere un ampio giardino di corallo e abbondanti pesci per questa comunità essendo la pesca la principale attività economica e un mercato pronto per i villeggianti di queste spiagge.

Il primo hotel ad essere costruito a Watamu è stato l’Ocean Sports che ha iniziato come un bar sulla spiaggia a Turtle Bay (nello stesso luogo in cui i componenti della prima famiglia irlandese si ritrovarono dopo il naufragio), costruito da Ian Pritchard che sbarcò lì nel 1951. Il bar è stato successivamente sviluppato in un albergo ed è stato il primo centro per gli sport acquatici.

Il secondo hotel completo di camere è stato il Watamu Beach costruzione che si affacciava su Watamu Bay.

La combinazione di queste comunità, con le loro diverse culture e le loro attività economiche, è ciò che ha dato alla luce Watamu, rimasta fino ad oggi una destinazione top di vacanza oltre che ricca area marina di biodiversità. Questa zona è assistita dal Kenya Wildlife Service che nel 1968 formò la Watamu National Marine Park e Reserve, che si estende per 42 km quadrati lungo la costa, fornendo una protezione legale per la zona di conservazione.

Nel 1979 a Watamu è stata data una maggiore protezione internazionale, quando fu dichiarata United Nation’s Man and Biosphere Reserve (UNMBR).

Oggi Watamu è una società cosmopolita con una popolazione di 2.000 abitanti ed è cresciuta fino ad avere almeno 16 hotels e resorts da due a cinque stelle, numerosi alberghi e ville private ed è stata votata come la seconda migliore spiaggia di sabbia in Africa dalla CNN Travel nel 2012 (vedi Watamu Beach).

Watamu è una piccola città situata a circa 105 km a nord di Mombasa ed a circa 15 km a sud di Malindi sulla costa dell’Oceano Indiano. Posta su un promontorio tra Watamu Bay e Blue Lagoon Bay è parte del Distretto di Kilifi. Le sue principali attività economiche sono il turismo e la pesca. Watamu è famosa per gli sport acquatici come lo snorkeling, immersioni e sci.

Il nome Watamu è un termine swahili che significa “gente dolce”, e questa zona è stata così chiamata in riferimento alle persone Swahili cordiali e gentili che abitano questa area. Tuttavia altre teorie suggeriscono che gli arabi abbiano usato dolci per attirare i locali per poi catturarli come schiavi.

Watamu è stata abitata da mercanti arabi che conquistarono gran parte della costa del Kenya nei primi del 18° secolo. Secondo reperti archeologici, Watamu si dice sia stata abitata fin dal 13° secolo. Santuari e luoghi sacri, ora rovine, sono popolari attrazioni (vedi Rovine di Gede).

Curiosità: nel 2007 a Watamu è stata scoperta la più grande specie al mondo di cobra sputatore (Naja ashei), serpente appartenente alla famiglia degli elapidi, detto anche cobra sputatore gigante. Il veleno di questa specie è molto simile per composizione (neurotossine e citotossine) a quello di altri cobra sputatori, tra cui il cobra sputatore dal collo nero (Naja nigricollis) e il cobra sputatore rosso (Naja pallida), che si trovano entrambi nelle stesse aree. Tuttavia, questa specie è in grado di iniettare un volume molto più grande di veleno in un solo morso rispetto agli altri. L’epiteto specifico dato a questa specie onora il compianto James Ashe, che ha fondato la Bio-Ken Snake Farm di Watamu  e fu uno dei primi esperti a suggerire che il Naja ashei fosse una nuova specie.