Unione europea: Partenariato pieno con il Kenya

1287

Collaborazione Kenya Unione Europea solida ed efficace

Mentre celebriamo l’anno europeo di quest’anno il 9 maggio, abbiamo grande fiducia e soddisfazione nei molti modi in cui progredisce la nostra partnership con il governo e la gente del Kenya. Rispetto all’ultimo anno, la forza di questo partenariato ci ha permesso di rispondere in modo efficace alle crisi, in particolare lo stallo della scorsa estate dell’Accordo di partenariato economico e, più recentemente, l’impatto della siccità sul Kenya e sui suoi vicini. Lavorando a stretto contatto, siamo stati in grado di mantenere l’accesso libero delle esportazioni dal Kenia all’UE, che è il principale mercato di esportazioni di questo paese, nonostante i ritardi di altri paesi per la firma dell’accordo di partenariato economico. Siamo anche orgogliosi che l’Unione europea è il primo partner internazionale per aiutare il Kenya ad affrontare le peggiori conseguenze della siccità, fornendo fino a Sh4.5 miliardi di finanziamenti a questo paese. Negli ultimi dieci anni la Commissione europea ha fornito una media di 350 milioni di euro l’anno per i programmi di sviluppo del settore privato in tutto il mondo. Siamo orgogliosi di questo investimento che, unitamente all’aiuto allo sviluppo fornito direttamente dai programmi propri dei 28 Stati membri dell’Unione europea, rende l’Unione europea leader nella trasformazione dei paesi in via di sviluppo. Oltre l’economia, l’Unione europea e il Kenya sono alleati naturali su questioni chiave internazionali come la migrazione, l’azione sul clima, la sicurezza e la democrazia. Negli ultimi 12 mesi il nostro rapporto è cresciuto in una collaborazione piena di valori condivisi e di interessi comuni. Insieme affrontiamo le minacce emergenti e stiamo cercando di rendere il mondo un luogo più sicuro e migliore per le generazioni presenti e future.

Il sig. Dejak è l’ambasciatore dell’Unione europea in Kenya

Tradototto da un articolo di https://www.standardmedia.co.ke

CONDIVIDI
Articolo precedenteI flussi migratori
Prossimo articoloCuriosita’